Home

imagesND7K01CIPaolo Villaggio ricordato dagli amici alla Casa del Cinema

In un tardo pomeriggio, in cui il sole batteva ancora forte, l’arena di Villa Borghese della Casa del Cinema era gremita da un folto pubblico di attori, registi e di tanti cittadini romani accorsi in ricordo di Paolo Villaggio scomparso a ottantaquattro anni.

Interessante serata per quello che hanno detto su di lui gli invitati: tutti apprezzamenti che, se ci fosse stato, Paolo avrebbe massacrati conesternazionisadiche tipo <<Massa di sfigati! Che ci state a fare sotto il sole? Un caloroso saluto? >>o conbattutacce con la voce “lupata” da lui inventata per sottolineare le spaventose situazioniin cui sprofondano gli sfortunati miserabili cui si ispiravano i suoi personaggi.imagesRQ6S0AZTUn’ ossessione, quella della sfiga, che è stata la chiave del suo successo,mantenuto costantemente per un lungo arco della vita sin dagli anni sessanta se non prima; condizione che gli ha creato una vita agiata caratterizzata da continui e piacevoli viaggi ricordati nella serata con nostalgia proprio dal figlio.

untitled (2)

Per il pubblico Villaggio, meglio conosciuto come Fantozzi, Fracchia oKranz, ebbe grande successo come scrittore di libri comici su Fantozzi, interprete di famosi film fantozzeschi, ma fu anche opinionista, personaggio televisivo ecandidato alle elezioni per Democrazia Proletaria.

Rappresentò con la saga fantozziana il contraltare del mitico posto fisso, ambita meta di tutti gli italiani e foglia di fico di tutti quegli impiegati che, invece di esultare del fatto che non dovevano fare lavori manualidi cui si era sempre campato,si lagnavano dell’oppressione che subivano tra le scrivanie degli uffici. Con la sua comicità riuscì a mettere in ridicolo tale lavoro, adesso ancora agognato ma che non vedrà partecipi le future generazioni, che dovranno campare d’altro.

P0AV32ZU

Contrariamente al mito cinematografico a cui è relegato, io interpreto come uno sfigatonon Fantozzi ma Villaggio; sì, intendo proprio Paolo, in quanto scrittore incapace di essere un Gogol all’italiana, ma in compenso, a causa anche al suo fisico, capace di diventare caricatura di se stesso sullo schermo. Penso che se lo si guarda da tale angolatura risulta sempre unKeaton:clownesco ma più teatrale, iperbolico sino all’assurdo ma sempre proteso a smascherare tutti con cattiveria disarmante e amara, un Pierino carogna che aggiudica infamanti invettive a chiunque, doppiamente drammatico se si aggiunge il suo ego a quello creato per la scena. Questo è –almeno- il mio giudizio, che non pretendo di mettere a livello di quello che molti noti personaggi ben qualificati nell’ambito culturale hanno detto su di lui, che lo hanno giustamente eletto un grande del nostro tempo, concetto ripetutamente espresso nella celebrazione di cui sto parlando da tutti gli invitati e ribadito dal pubblico plaudente.lino-banfi-omaggia-paolo-villaggio

Alla Casa del Cinema oltre ai familiari, la moglie Maura e i figli Elisabetta e Pierfrancesco, come si potrebbe presumere, numerosi sono stati gli artisti dello spettacolo, della cultura e della politica eccezionalmente presenti per l’occasione,alcuni dei quali introdotti sul palcoscenico dal direttore della Casa del Cinema, Giorgio Gosetti, dove hanno parlato su Paolo Villaggio: Milena Vukotic ,Luca Bergamo , Carlo Vanzina, Neri Parenti, Mario Sesti, Fabio Ferzetti , Walter Veltroni, Ricky Tognazzi, che hanno fatto emergere in numerosi aneddoti spesso surreali la sua personalità da discolo dispettoso, non risparmiando momenti toccanti e commoventi. In platea solo per dirne alcuni: Luca Cordero di Montezemolo, Dori Ghezzi, Renzo Arbore, Roberto D’Agostino, Tony Renis, Enrico Lucherini, Paolo Cirino Pomicino, Laura Delli Colli, Lina Wertmuller, Carlo Freccero, Massimo Boldi, Marina Ripa di Meana, Lidia Ravera euna folla di vip di cui non ricordo il nome.

Le esequie di Paolo Villaggio erano iniziate al mattino con la camera ardente al Comune di Romain cerimonia laica,dove sono stati presenti numerosi esponenti politici: Dario Franceschini, il sindaco e il vicesindaco di Roma, Beppe Grillo, Davide Casaleggio e rappresentanti dello spettacolo come Lino Banfi, Enrico Montesano ecc.

Paolo Villaggio verrà sepolto a Genova, vista mare, come voleva.

 

 

Giovanni Lauricella

Annunci

One thought on “Paolo Villaggio viene ricordato alla Casa del Cinema

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...